OBIETTIVO SICUREZZA: eCALL, L’ITALIA RILANCIA, MULTIPROTEXION PRESENTE!

6 luglio 2017

Obiettivo: salvare vite umane. Per raggiungerlo è importante non solo migliorare la sicurezza stradale in generale, ma anche rendere più efficienti i soccorsi. In che modo? Un valido aiuto arriva dalla eCall, la chiamata automatica di emergenza al numero unico 112 che da fine marzo 2018 sarà obbligatoria su tutte le vetture di nuova omologazione. La normativa è stata stabilita dall’Unione Europea con un lungo iter durato anni, e riguarderà tutti gli stati membri. L’eCall, secondo le stime, porterà a una riduzione dei tempi di risposta dei servizi di emergenza sanitaria del 50% nelle aree rurali e del 40% in quelle urbane. Grazie a questo risparmio di tempo, si possono salvare fino a 2.500 vite ogni anno in tutta l’UE, e ridurre la gravità delle ferite in migliaia di casi. In questo scenario l’Italia vanta un primato: è già partita con la sperimentazione della eCall, in anticipo rispetto alla tabella di marcia europea, grazie alla collaborazione tra Tsp Association – di cui fanno parte, tra gli altri, Europ Assistance Italia, Viasat, Vodafone Automotive, Tim, Way, Lojack Italia, Multiprotexion e GeneraliCar – e l’Areu Lombardia, Agenzia Regionale Emergenza Urgenza. “Laddove la rapidità dell’arrivo dei soccorsi può contribuire a ridurre i rischi per salvare delle vite umane, il sistema ‘private eCall’, questo il suo nome, ha un impatto sociale di enorme rilevanza e pone, ancora una volta, l’Italia in pole position nei servizi disponibili, grazie all’utilizzo delle tecnologie di telematica applicate ai veicoli”, dichiarano da Tsp.

About